L'informazione in Odontoiatria



Posturologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Implantologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

MACCHIE NERE SUI DENTI DA FUMO E DA CAFFE'

   

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito

 

Domanda Mi accingo a scriverLe questa mia in quanto, alla ricerca di informazioni sulla materia, mi sono imbattuto nel sito web col quale collabora.
Le espongo brevemente il mio caso clinico.
Da alcuni anni (ne ho 26) mi compaiono sui denti delle macchie nere, quasi certamente dovute al fumo e al caffè, le quali, col tempo, divengono sempre più evidenti e inestetiche. Preciso che attuo tutte le norme igieniche
dentali previste e che pratico, anche a causa di questo problema, diverse sedute di pulizie e sbiancamenti nel corso dell'anno per eliminarle. Ciò nonostante tali macchie ricompaiono, addirittura aumentando gradualmente sia nella loro estensione visibile sia nella rapidità con cui si ripresentano. L'ultima volta erano evidenti già dopo poco più di un solo mese dalla pulizia, d'altro lato non mi pare neanche il caso di esagerare con la frequenza delle sedute dal dentista per non provocare eventuali danni allo smalto. Superfluo aggiungere infine che, sebbene non sia un fanatico dell'estetica, il problema ha anche un suo risvolto e peso psicologico, creandomi non poche difficoltà a relazionarmi socialmente.
Concludo: Le chiedo, ringraziandola con anticipo, se ha eventuali rimedi o anche soltanto consigli da offrirmi per risolvere il problema in modo se non definitivo perlomeno più duraturo di quanto riesca a fare il mio dentista (che ho peraltro provato a cambiare con medesimi risultati).

Dr.Umberto Molini

Risponde il Dr. Umberto Molini
Condirettore Scientifico OdontoClinic
contatti

Il Suo problema si dovrebbe risolvere effettuando una pulizia professionale dei denti che renda le loro superfici accuratamente levigate, seguita da una corretta igiene orale domiciliare che le mantenga tali. Lo smalto, normalmente, ha una superficie sulla quale le macchie estrinseche non si formano senza che prima avvenga un suo irruvidimento da parte dei sali di calcio contenuti nella saliva. C’è un substrato indispensabile alla precipitazione del calcio che è la placca batterica non rimossa secondo regola: dopo ogni pasto e con una tecnica di spazzolamento appropriata. Lo spazzolino, peraltro, per esercitare una buona azione di rimozione della placca, deve avere le setole in buono stato d’uso. Ribadisco che fumo e caffè non sono in grado di macchiare la superficie esterna dello smalto ben pulito e levigato, bensì macchiano la sua superficie irruvidita dal calcio della saliva precipitato sulla placca batterica. Nella speranza di esserLe stato di aiuto la invito a farmi sapere.

Replica: La ringrazio anzitutto di cuore per la pronta disponibilità e i preziosi consigli. Il guaio è che ho già tentato di risolvere il problema secondo i modi che lei stesso mi consiglia: dopo aver effettuato le diverse pulizie professionali ho sempre tenuto, infatti, con la massima cura e costanza possibili, a spazzolare i denti dopo ogni pasto, con rarissime eccezioni. Pensi che, per non lasciare nulla al caso, sono persino giunto a spazzolare i denti con due spazzolini e due tipi di dentifrici diversi che usavo l'uno immediatamente dopo aver finito il primo lavaggio con l'altro (ho provato anche gli spazzolini elettrici). Risultato: nessuno. Le macchie, come Le dicevo, ritornano, e sono sempre più marcate. In compenso però, e certo non è poco, non ho più carie da anni! Devo dire che il problema è iniziato a sorgere proprio dopo le prime pulizie effettuata per altre ragioni (ossia semplice routine di pratica igienica) anni addietro, motivo per cui ho poi cambiato dentista: il secondo mi ha confermato che, a suo dire, i metodi di pulizia del primo non erano proprio ortodossi, visto che mi aveva rigato i denti a danno dello smalto; non essendo competente in materia non posso giudicare di persona su quanto dico ma effettivamente i problemi sono iniziati dopo quelle prime pulizie.

Risposta: Se la superficie dello smalto dei suoi denti presenta righe o depressioni che rendono difficile, se non impossibile, una corretta detersione meccanica, è necessario ripristinarne la levigatezza per far si che le antiestetiche macchie non si presentino più.


 

 
 
Come ottenere denti bianchi

denti bianchi per decolorazione di smalto e dentinaGli attuali progressi dell’odontoiatria cosmetica consentono di riportare il colore dei denti al bianco e alla luminosità di un tempo .....>>

Sbiancamento dentale domiciliare

Viene effettuato a casa, applicando sui denti un gel sbiancante .....>>

Sbiancamento dentale in studio

Con una sola seduta nello studio dentistico, della durata di circa un'ora usando uno speciale agente sbiancante ed una luce ad alta intensità....>>

Casi clinici

Sbiancamento professionale..>>

 
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista